Adagio è famosa per la cosidetta Guerra dei Titani

Storia di Adagio

Situata più vicino ad Aldebaran rispetto alle altre città dell’isola, 13 anni fa Adagio venne presa di mira dalle forze oscure come punto di appoggio per attaccare la capitale. L’incarico di conquistare la città fu assegnato al Gran Generale Zorath, a capo dell’Armata Bestiale. Gli eserciti di Aldebaran, ignari delle malefiche strategie dei loro avversari sarebbero di certo stati colti di sorpresa se in quella città non si fosse trovato l’allora Capitano Falcon. Le armate Bestiali attaccarono la città con il favore delle tenebre. Vennero fuori dai loro magici nascondigli e attaccarono con un tale impeto che per poco le mura non cedettero sotto il peso delle zanne fameliche. Il Capitano Falcon prese in mano la situazione. Conscio della netta inferiorità numerica delle sue forze e del fatto che l’invio di rinforzi da Aldebaran avrebbe richiesto almeno 2 o 3 giorni adottò una strategia tanto folle quanto efficace.
Scelse i migliori dei suoi uomini e ordinò agli abitanti del villaggio di aprire intenzionalmente dei varchi nelle mura così da consentire il passaggio di un sol uomo.
Tra le fila dei soldati Bestiali il rispetto dei ranghi e delle regole era quasi inesistente e gli avversari caddero in quel tranello come api attirate dal miele. Le bestie, di dimensioni maggiori rispetto ad un uomo si lanciavano singolarmente nei varchi e lì, affrontavano i più abili soldati della città.
Il Capitano perse molti uomini e molti amici mentre l’Armata Bestiale perse dieci volte lo stesso numero di unità. Nonostante questo rimaneva ancora una forte disparità ma la strategia di Falcon si rivelò efficace perché le truppe Bestiali non furono in grado di organizzare un attacco decisivo nonostante la schiacciante differenza. La resistenza durò quasi per 2 giorni, finché lo stesso Zorath decise di scendere in campo certo di sfondare quella difesa. Scelse di affrontare il varco presieduto dal Capitano Falcon in persona, perché la sconfitta del leader avrebbe di certo garantito la vittoria ma sottovalutò il suo avversario. I sopravvissuti che assistettero allo scontro raccontano cose incredibili. Lo scontro continuò dall’ora in cui il sole era più alto all’ora del tramonto mentre il resto degli eserciti rimaneva con il fiato sospeso. Alla fine entrambi i contendenti si colpirono mortalmente ma il primo a cadere fu Zorath e l’Armata Bestiale, con la caduta del suo signore, si ritirò.
Falcon sembrava essere destinato a fare la stessa fine ma lo portarono ad Aldebaran dove i medici della famiglia Renoir si presero cura di lui. Qualche tempo dopo Falcon si presentò al cospetto del re, in piedi e in salute e venne nominato Generale di Aldebaran e salvatore della città di Adagio.

Stato attuale di Adagio

Si tratta di un borgo di medie dimensioni situato su un’altura da cui è possibile, con il cielo sereno, vedere le mura di Aldebaran ad occhio nudo. Era un villaggio di contadini ingranditosi per riflesso della capitale. A seguito della sua espansione gli abitanti hanno avviato molte attività ed eretto delle possenti mura di cinta. Vi è poca varietà di etnie tra gli abitanti poiché questo luogo non è meta di turismo o ricerca, tuttavia gli umili abitanti si mostrano meno intolleranti dei loro fratelli che abitano la capitale, nei confronti delle altre razze.

Personaggi Importanti ad Adagio

Qui è nato il Generale Geremia Anacleto Falcon.

Negozi e Strutture ad Adagio

Ad Adagio ci sono 3 locande dove è possibile trovare ristoro, 4 medici, 2 fabbro, 3 carpentieri, 6 sarti, 4 drogherie.

Costi ad Adagio

– Prezzi medio bassi –
Locanda: 8 zeny cibo, 16 zeny stanza singola
Spada semplice: 65 zeny
Abiti semplici: 9 zeny

Qualità ad Adagio

– Qualità media –
Equipaggiamenti: media
Cure mediche: media
Cibo: media

Livello di Pericolosità ad Adagio

– Pericolosità bassa –
35% tolleranza verso Erielfi e Erinani
4% tolleranza verso Eriorchi e Deerin

Razze ad Adagio

99% Eriin
1% Varie

Lingue ad Adagio

Lingua di via 100%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *